Pranzo della solidità del terzo principio della dinamica

074 – 29 gennaio 2017

Pranzo della solidità del terzo principio della dinamica

Azioni a distanza in lessatura di patate con crema al gorgonzola.

Robustezza dinamica in reazione di bistecca ai ferri in bagno d’olio e spezie.

Carezze di fisica newtoniana in equilibrio di sapori d’arancia, finocchio e cipollina fresca.

Eleganza di sapori in quanti di peperoni in agrodolce con orbite d’uvetta e tostatura di pane.

Un Cerasuolo di Vittoria dall’aria rilassata si gode la discussione amabile sul terzo principio della dinamica tra un caldo pane dei pressi e una fresca acqua di fonte mentre i sorrisi di violino dei concerti di Bach s’insinuano tra ricordi lontani e pensieri vicini.

Solitudo radente e passeggiate sotto la pioggia q.b.

Pranzo semplice del mare che non muore

063 – 17 aprile 16

Pranzo semplice del mare che non muore

Limpidezza di correnti marine in mescolanza di maccheroncini calabresi con tonno fresco, pomodorino siciliano e capperi dei pressi e carezze di spezie locali.
Orizzonti liberi in insalata mediterranea e incroci di culture assolate.
Il pane di forno a legna incontra la freschezza dell’acqua di fonte e ascolta i racconti salmastri di un bianco siciliano che ama i mari puliti.
La musica mai trivellata di Bach avvolge e ripara dalle brutture del mondo.
Solitudo calma e tuffi interiori q.b.

Pranzo chiaro del libero vagare

057 – 9 marzo 16

Pranzo chiaro del libero vagare

Silenzio di campo in pappardelle avvolte da asparagi selvatici e ricotta dei pressi con sortita di basilico e pecorino.
Incontro di spazi bianchi in insalata di lattuga, spinaci, olive e sorpresa di feta e mela.
Frescura di pensieri in arancia di terra e sole.
Il pane di forno a legna incrocia il cammino liquido dell’acqua di fonte e il bianco Cristo di Campobello allunga il soffio del tempo sulle note leggere dei concerti per violino di Bach.
Solitudo vagante e desiderio di spiaggia q.b.