Piccola cena limpida del cervello in fuga

081 – 14 agosto 2017

Piccola cena limpida del cervello in fuga

Fugacità di pensieri in pollo alle mandorle e zenzero con variante dai sapori mediterranei e biancore di riso basmati.

Assenza di radici in insalata di pomodoro e cipolla rossa di Tropea con inserti di trito aromatico dei passi brevi.

Allontanamento da sè in rosolio all’alloro delle mani che respirano.

Il pane di forno vicino s’immerge in dialoghi senza parole con l’acqua allegra e distante il tempo di uno sguardo, il prosecco di Valdobbiadene conserva la voglia di andare lontano in un’estate d’attese e fotografie in mostra, le note ondeggianti dei Cluster ricordano navi in partenza e cervelli in fuga.

Solitudo assestata, assenza di sale e volo d’aquila ferita q.b.

Pranzo d’oriente del padre sorridente

075 – 15 febbraio 2017

Pranzo d’oriente del padre sorridente

Tenerezza d’occhi sorridenti in tocchi di pollo alle mandorle e sorrisi di soia con voli di riso basmati dai sapori piccanti.

Nitore di ricordi in insalata di verdure silenziose e complicità di mandorle e germogli di soia.

L’acqua fresca di fonte si rilassa accarezzata dagli sguardi morbidi del pane di forno a pietra e un bianco etneo dal forte carattere segue una danza di sorsi in ricordo della voce che rimane, la musica d’anima dei Massive Attack ricopre la malinconia delle assenze e vaga nei pensieri.

Solitudo arrendevole e lievità d’intenti q.b.

Pranzo breve delle storie che iniziano

073 – 24 gennaio 2017

Pranzo breve delle storie che iniziano

Soddisfazione di sè per storia che inizia in amabilità di riso rosso al pollo con curry e paprika e abbracci di porro e funghi.

La brevità del pasto è inondata da un bianco grillo di Sicilia che saluta le nuove associazioni di idee tra il pane sereno e l’acqua di fonte fresca e speranzosa, le note stellari di David Bowie accompagnano la nascita di una storia che raccoglie storie e le racconta.

Solitudo sorridente ed “eralavò” a venire q.b.

Pranzo del mormorio esistenziale

066 – 3 agosto 16

Pranzo del mormorio esistenziale

Ebbrezza di pollo in crema al marsala e indugio sottile di spezie assolate.
Rossore d’audacia in piccola insalata di pomodori con condimento di terre prossime.
Eleganza di sapori in peperoni in agrodolce con uva passa e tostatura serena di pangrattato.
Il vino rosso di una Sicilia stanca si adagia sugli sguardi freschi dell’acqua di fonte e il pane di solido forno a pietra racconta l’agosto che sonnecchia. Le note avide dei suoni attenti dei Japan s’insinuano tra pensieri e mormorii d’esistenza e di pause.
Solitudo di stelle e notti a venire q.b.

Pranzo della felicità nascosta

048 – 2 gen 16

Pranzo della felicità nascosta.

Chiusura d’occhi in fettine di pollo al marsala con abbraccio di funghi d’Etna generosa.
Soffio di ricordi in omelette agitata ai funghi sorridenti.
Freschezza di vita in insalata di erbe, formaggio e olive coraggiose.
Calore d’estate in agrodolce di caponata e tenerezza.
Il rosso Primitivo di terre salentine sorseggia l’amore di sguardi tra il pane casareccio e una languida acqua di fonte mentre le note accoglienti dei Morcheeba agitano pensieri e istanti presenti.
Solitudo che accompagna e felicità nascoste q.b.

Pranzo verde dei buoni consigli

043 – 2 ott 15

Pranzo verde dei buoni consigli.
Dimenticanza di sè in fragranza di grissini e morbidezza di crema al gorgonzola e acini verdi d’uva bianca.
Suggerimento d’amico in tocchetti di pollo imbevuti di limone e nevicata verde di scorza di limone appena colto.
Avventura di verdezza in insalata di lattuga canasta, spinaci, verza e acini d’uva e condimento allegro.
Il pane di forno a legna dei pressi si muove con le verdi intenzioni mentre l’acqua di fonte ne segue i movimenti, un vino bianco dei luoghi cari si innalza silenzioso e brinda alle note d’annata di Carlos Santana.
Solitudo di pensieri e verdi sorrisi q.b.

Un plauso allo spacciatore di consigli culinari open source Salvo Lizzio.

(Chiedo scusa per la foto. Problemi di comprensione tra l’intero me e il mezzo tecnologico che mi ritrovo tra le mani)

Pranzo corto della domenica in legale

020 – 29 mar 15

Pranzo corto della domenica in legale.
Abbracci di couscous con tocchetti di pollo in allegria di curry e funghi secchi, rotondità di zucchine saltate in spezie mediterranee e danza di cavolfiore dell’orto in rumba d’olive, uva passa e formaggio pepato tenero dei dialetti nostri. L’acqua osserva divertita il fraseggio lieve di un Folanghina del Sannio e il pane se ne sta in disparte. Il sole dell’ora legale ascolta la musica dei Tindersicks. Solitudo e ricordi q.b.
Il cavolfiore e la cipollina tenera usata per tutte le piatenze sono dell’Orto dei semplici

Pranzo del carnevale svanito

014 – 17 feb 15

Pranzo del carnevale svanito.
Rimembranze di verdure in passato con striature piccanti.
Frenesia di pollo e funghi al vino bianco con avvenenza di prezzemolo.
Tenerezze di lattuga e di fagiolino in condimenti tenui.
Si pasteggia con un rosso Merlot destinato ai vuoti e una fresca e timida acqua di fonte. Il pane è caldo e propositivo. Luce e scorzette di arancia a chiudere il tutto. La musica degli Area arriva da tempi lontani mentre la pioggia si avvicina

Pranzo esterno delle brevità saporite

010 – 23 gen 15

Pranzo esterno delle brevità saporite.
Accoglienza di stocco alla messinese con danza di patate;
Bisbiglio agrodolce di peperoni in delicata tostatura di pangrattato.
Dolcezza di finocchio in nudità naturale.
Il pane è carezzevole, si sorseggia il calore siciliano di un Timperosse e ci si disseta con acqua naturale.
La frutta stagionale accompagna i sapori della tavola.
Amicizia secondo i gusti e una spruzzata di risate tra la frescura di un Amaro del Capo e la rudezza della cioccolata modicana.

Pranzo del martedì del santo

009 – 20 gen 15

Pranzo del martedí da santo.
Acclamazione di tortelli in brodo di vegetali freschi e grida di parmigiano.
Processione di tocchetti di pollo in doratura superiore con accompagnamento di piselli e patate in devota adorazione.
Festosità di ortaggi e frutta in insalata delicata.
Entrata di frutta di stagione dei metri brevi.
Si pastaggia con Inzolia e Frappato di terre siciliane, si accetta l’acqua di fonte e si consuma pane bianco e integrale.
Musica di origine antica e delizia di figli