Pranzo breve delle storie che iniziano

073 – 24 gennaio 2017

Pranzo breve delle storie che iniziano

Soddisfazione di sè per storia che inizia in amabilità di riso rosso al pollo con curry e paprika e abbracci di porro e funghi.

La brevità del pasto è inondata da un bianco grillo di Sicilia che saluta le nuove associazioni di idee tra il pane sereno e l’acqua di fonte fresca e speranzosa, le note stellari di David Bowie accompagnano la nascita di una storia che raccoglie storie e le racconta.

Solitudo sorridente ed “eralavò” a venire q.b.

Piccola cena del riordino delle idee

058 – 17 marzo 16

Piccola cena del riordino delle idee.

Richiamo d’idee in riso integrale con luce d’asparagi e funghi e ombre speziate.
Rendiconto di se in assaggio d’insalata di lattuga e olive nei pressi.
In silenzio ostinato l’acqua fresca di fonte ricorda al pane di forno a legna il cumulo di pensieri che il rosso d’Etna dormiente elabora sulle note d’acciaio di Laurie Anderson.
Solitudo serale ed esistenza disordinata q.b.

Pranzo delle identità svanite

044 – 13 ott 15

Pranzo delle identità svanite.
Ricordo d’occhi in festa di riso con sorrisi di peperoni, zucchine, biete selvatiche, cavolo cappuccio e plausi di aromi delle terre buone.
Passaggio di me in deja vu arancione su zucca e frittura dolce.
Arrendevolezza di tempo in insalata di lattuga, cavolo cappuccio, olive e ricotta salata e condimento gentile delle mani che sanno.

L’acqua di fonte fresca si intenerisce alle parole del pane di Maniace e il biancore di un Vermentino di Gallura sprofonda in una intimità di ricordi e gusti. Le note imperdibili di Harvest di Neil Young raccolgono i silenzi interiori e governano il tempo.
Solitudo, dimenticanze e pace interiore q.b.

Pranzo del pianto di settembre

039 – 7 set 15

Pranzo del pianto di settembre.
Attesa di pioggia in bruschette esili al pomodoro fresco.
Profumo di terra bagnata in cottura di riso con funghi secchi e fuochi d’oriente di curry e paprica.
Tempesta di sapori di terra in insalata allegra e condimento mediterraneo.

L’acqua della fonte vicina è rassicurata dal pane di casa che racconta di suoni di tuoni e il vino bianco di madre siciliana allontana tristezze di terra e malinconie d’aria.
Solitudo, gocce di pioggia e fulmini q.b.

Cena dei silenzi scovati

035 – 14 ago 15

Cena dei silenzi scovati
Delicatezza di riso basmati in desiderio di sugo piccante con tonno e cipolla. Ortaggi dell’orto in sogno agrodolce di caponata ai sapori siciliani. Gratitudine di melanzane alla griglia con baci di trito aromatico e olive silenziose e verdi.
Il pane riprende sussurando i discorsi interrotti mentre l’acqua di fonte sorride liquida. E’ il vino bianco e fresco dei pressi che esalta il sapore del silenzio e insegue le note vive di Philip Glass. Solitudo d’agosto e pensieri che scalano q.b

Cena del ritorno gustoso

018 – 18 mar 15

Cena del ritorno gustoso.
Racconti di riso integrale con ascolto timido di radicchio e gorgonzola e origliamento di salsiccia.
Eccitazione di pomodoro di Pachino fra olive verdi e nere con compiacimento di ricotta salata.
Insieme all’acqua di fonte festeggia un Cerasuolo di Vittoria di rosse speranze. Il pane danza al suono delle note dei Radiotarifa.
Pizzichi di sorrisi e solitudini e un amaro calabrese a chiudere.

Pranzo dell’orto buono

017 – 6 mar 2015

Pranzo dell’orto buono.
Comodità di riso integrale in colloquio con broccoli in affogatura semplice ed eleganza di cavolfiore con pepato fresco, olive e uva passa.
Intimità di cuori di carciofi e piselli in amabile cottura.
Il vino è un nero d’Avola rassegnato all’addio e l’acqua ne conforta i saluti. Il pane latita, la musica scende da Nord Europa.
Solitudo e ordinaria follia q.b.

Broccoli e cavolfiore provengono dall’Orto dei Semplici.

Pranzo dei sapori nuovi

013 – 13 feb 15

Pranzo dei sapori nuovi.
Stupore di riso integrale in abbracci di porro e zucchini con pomodori secchi.
Consommè di verdure con striature di pollo ed ebbrezza d’arancia.
Piccola insalata dai colori estivi.
Il pane è fiducioso, il vino, un rosso Merlot di ricordi siciliani, consola l’acqua fresca di fonte. Musica blues di tempi andati e vissuti su un bagliore tenue d’arancia. Quiete q.b

Pranzo del frigo da svuotare

007 – 14 gen 15

Pranzo del frigo da svuotare.
Duetto di riso integrale e cavolfiore trepidante con nostalgia di parmigiano;
Sposalizio di pollo di antico spiedo e avocado triste in testimonianza di rucola, mela e scaglie di parmigiano.
Si beve il rosso Cerasuolo e si ammette a tavola l’acqua di fonte. Costanza di pane ed esultanza di olio in bottiglia scura.
Solitudo, musica e sole q.b

Pranzo della domenica ritrovata

006 – 11 gen 15

Pranzo della domenica ritrovata.
Timidezza di risotto in rossore di radicchio dell’Orto dei Semplici;
Gustosità di carne di pollo speziato in spiedo siciliano;
Freschezza in insalata di lattuga, radicchio e finocchio dell’Orto dei Semplici;
Apoteosi di gusto in torta al cioccolato con sprazzi di panna e amore di figlia;
Frutta stagionale di pochi passi;
Si bevono il rosso incantato di un Cerasuolo di Vittoria e la limpidezza di acqua di fonte, si spizzicano fette di pane casareccio.
Solitudo q.b. e musica sparsa