Pranzo del rientro a terra

067 – 20 settembre 2016

Pranzo del rientro a terra

Semplicità d’intenti in zuppa di zucca lunga con patate, cipolle, festosità di pomodoro e spezie e bisbiglio di pecorino grattuggiato.

Discorsi sul sé in grigliata di melenzane alla menta e peperoni rossi al limone verde.

Sorrisi ritrovati in liquore all’alloro dei passi brevi.

La terra vicina accompagna il rosso del vino di Saro e l’acqua sorseggia le fresche parole del pane di casa, le note rauche di Janis Joplin accolgono il rientro a terra di un pensiero fragile.

Solitudo e chiusura d’occhi q.b.

Pranzo del mormorio esistenziale

066 – 3 agosto 16

Pranzo del mormorio esistenziale

Ebbrezza di pollo in crema al marsala e indugio sottile di spezie assolate.
Rossore d’audacia in piccola insalata di pomodori con condimento di terre prossime.
Eleganza di sapori in peperoni in agrodolce con uva passa e tostatura serena di pangrattato.
Il vino rosso di una Sicilia stanca si adagia sugli sguardi freschi dell’acqua di fonte e il pane di solido forno a pietra racconta l’agosto che sonnecchia. Le note avide dei suoni attenti dei Japan s’insinuano tra pensieri e mormorii d’esistenza e di pause.
Solitudo di stelle e notti a venire q.b.

Cena del ricordo del sè

064 – 5 maggio 16

Cena del ricordo del sè

Arrendevolezza di verde in eleganza di trofie in dialogo di asparagi selvatici e spinaci con commenti di ricotta salata.
Biancore di ricordi in insalata colorata con ventata di feta e mela e condimento semplice.
Un rosso Merlot affila le lame del ricordo mentre il pane esangue di casa ascolta un racconto di amori svuotati dell’acqua di fonte. La musica dei Nouvelle Vague si diffonde ironica sui ricordi del sè sbiadito e addormenta i sogni.
Solitudo e finestre sul mare q.b.

Pranzo della calma apparente

060 – 24 marzo 16

Pranzo della calma apparente

Assenza di venti in groviglio di trofie fresche con carne di maiale, carciofi, pomodori secchi e pizzica di spezie.
Calma d’animo in raccoglimento d’insalata di verdure e mele con gocciolío di semi e condimento dei luoghi noti.
Delizia d’arancia dei pressi in spremuta profumata.
L’acqua di fonte annusa gli odori e i sorrisi di un pane di forno a pietra e un Cerasuolo di Vittoria allarga il suo rosso alle promesse di un sole che illumina e riscalda come le noti morbide di Vinicio Capossela.
Il verde intenso del rosolio all’alloro ripone speranze e riapre le porte.
Solitudo nascosta e vuoti a perdere q.b.

Pranzo primaverile del nuovo inizio

059 – 20 marzo 16

Pranzo primaverile del nuovo inizio

Tepore di sè in scaloppe di lonza di maiale e abbracci verdi d’asparagi e pepe.
Luminosità nuova in minestra primavera di fave, piselli e cuori di carciofo e ricchezza d’olio extravergine d’oliva dei luoghi vicini.
L’acqua della fresca fonte si fa bella e il pane casareccio la osserva ammirato, il rosso Sirah di terre siciliane regala riflessi ambrati al cumulo di pensieri segreti da esplorare mentre la voce nordica di Ane Brun abbraccia i raggi solari allegri e freschi di equinozio.
Solitudo colorata e passi a venire q.b.

Piccola cena del riordino delle idee

058 – 17 marzo 16

Piccola cena del riordino delle idee.

Richiamo d’idee in riso integrale con luce d’asparagi e funghi e ombre speziate.
Rendiconto di se in assaggio d’insalata di lattuga e olive nei pressi.
In silenzio ostinato l’acqua fresca di fonte ricorda al pane di forno a legna il cumulo di pensieri che il rosso d’Etna dormiente elabora sulle note d’acciaio di Laurie Anderson.
Solitudo serale ed esistenza disordinata q.b.

Pranzo degli elementi ridenti

056 – 4 marzo 16

Pranzo degli elementi ridenti

Luminosità di mare in fusilli al gioco di tonno e pomodoro con spezie divertite.
Curiosità di terra in incontro di avocado e feta ai coriandoli di pepe.
Richiamo di Sicilia in tarocchi delle terre assolate.
L’acqua di una fonte d’acqua si dilunga in sguardi con il pane di fuoco di legna e il rosso d’Etna ricorda armonie di gusto nell’aria muta all’ascolto delle note ariose dei Genesis.
Solitudo terrosa e brezza di mare senza trivelle q.b.

Pranzo del desiderio scavato

055 – 2 marzo 16

Pranzo del desiderio scavato

Assonanza di sogni in strozzapreti audaci con funghi, pomodorino e verza e desideri piccanti di spezie serene.
Legame d’odori in insalata pepata d’arance e finocchi dei pressi.
Arrendevolezza di gusto in spremuta d’arance siciliane e succose.
Il pane di casa e l’acqua fresca intrecciano desideri lontani mentre il rosso d’Etna scava negli occhi la voglia d’amare delle note lievi di Curtains dei Tindersticks.
Solitudo blu e pensieri vaganti q.b.

Pranzo del pensiero che vaga

054 – 29 febbraio 16

Pranzo del pensiero che vaga

Assenza d’azione in rotondità di strozzapreti al sapore di asparagi selvatici, pomodorini e pigrizia di spezie.
Ritorno di ricordi in insalata d’arance e finocchi dei luoghi vicini con ammirazione di cipollina tenera.
Un rosso d’Etna induce a una leggera meditazione mentre vaga ondoso il dialogo intimo tra il pane di casa e l’acqua di fonte. Una spremuta d’arancia si riposa tra le note smogmagiche delle Orme dei tempi remoti.
Solitudo e ormeggi di pensiero q.b.

Pranzo delle cose che non mutano

053 – 23 febbraio 16

Pranzo delle cose che non mutano

Arrendevolezza d’intenti in penne rigate al suono di cavolfiore e carezze d’olive, pecorino, uvetta e pinoli e salti di danza di tostatura di pangrattato.
Riflessioni sul sè in insalate ridenti di trunzo di jaci e di lattuga e finocchio degli orti nostri.
Attesa di cambiamenti in arance e kiwi dei pressi.
La delicata sobrietà di un rosso Etna consola lo stato d’animo confuso di un pane di casa e l’acqua di una fonte del luogo nasconde la sua timida freschezza mentre le note dense dei Tindersticks ricordano la delusione per ciò che manca sempre.
Solitudo graffiante, spezie d’occhi e nubi distratte q.b.

I prodotti degli orti sono a km zero e non trattati. L’Orto dei semplici è sempre presente e prezioso.